Un biscotto dolce come un bacio

Si parla di Siaf e dell’iniziativa per il giorno di Capodanno su diversi giornali del 29/12/2020

Un dolce augurio di buon anno con un bacio biscotto. . È l’omaggio con cui Siaf, Servizi Integrati Area Fiorentina, la società di refezione di Bagno a Ripoli, accompagnerà il menù di Capodanno degli ospiti delle strutture ospedaliere dell’Azienda Usl Toscana Centro all’ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri, all’ospedale Torregalli, all’ospedale Santa Maria Nuova, all’ospedale Serristori di Figline Valdarno e all’ospedale del Mugello. Oltre 1300 degenti in totale, compresi i pazienti ricoverati nei reparti Covid-19 e le persone accolte negli alberghi sanitari, a cui Siaf prepara quotidianamente il pasto in corsia. Biscotti di cioccolato per augurare ai pazienti degli ospedali fiorentini buona guarigione e buon anno nuovo.

”Dall’inizio dell’emergenza – dichiara il presidente di Siaf, Angelo Di Bella – anche i nostri operatori impegnati nella refezione in ambito sanitario, un centinaio circa, sono in prima linea con grande passione e dedizione. Consapevoli, adesso più che mai, che per tante persone ricoverate, in isolamento e lontane dalle famiglie, il momento del pasto scandisce le tappe della giornata. A molti di loro manca il contatto con i pazienti, per questo in occasione delle feste hanno voluto fargli sentire la loro vicinanza. Da qui l’idea dei biscotti al cioccolato che accompagneranno il menù del pranzo del 1° gennaio: una simbolica dose di energia per iniziare al meglio il nuovo anno e un simbolico abbraccio da lontano”. I biscotti realizzati da Siaf saranno presentati insieme a un biglietto di buon auspicio, a corredo di un menù di pesce che comprenderà anche le immancabili lenticchie. Siaf, la società di refezione che ha la sua sede a Bagno a Ripoli e che conta circa 200 addetti in totale, oltre a occuparsi della ristorazione ospedaliera, ogni giorno prepara i pasti per oltre 1600 bambini delle scuole ripolesi.  ”Qualità e professionalità, ma anche un impegno concreto al servizio della comunità sono gli elementi che contraddistinguono il lavoro di Siaf – spiega il sindaco di Bagno a Ripoli e presidente della Conferenza dei Sindaci della Zona fiorentina sud-est, Francesco Casini -. A tutti gli operatori di Siaf – cuochi, magazzinieri, addetti al lavaggio, trasportatori – che ogni giorno si prendono cura di chi si trova nei nostri ospedali, anche loro in trincea come tante altre professionalità sanitarie, un ringraziamento di cuore’”.

L’articolo sul sito della Nazione