Lab alla scuola Capannuccia: baccelli dell’orto scolastico e pecorino dop!

La Scuola materna Catia Franci, a Capannuccia, frazione di Grassina, e pertanto detta appunto scuola “Capannuccia”, si occupa di bambini in età prescolare e proprio per questo particolarmente sensibili e ricettivi.
Uno degli argomenti che la scuola da molto tempo ama trasmettere ai piccoli, con particolare cura e interesse, è il tema di ciò che mangiano e di come si produce.
È importante adesso più che mai, in un’epoca in cui i bambini tendenzialmente crescono separati dalla natura e dalla terra che produce gli alimenti di cui si nutrono, permettere loro di riscoprire questa parte importante della realtà che li circonda. I buoni piatti che si consumano quotidianamente nelle mense provegono dal territorio circostante per lo più, dato che Siaf può contare su numerosissimi produttori da filera corta. Ha un grande valore, per fare capire ai bimbi questo concetto, ovvero che gli alimenti si producono dalla nostra, la loro, terra, proporre attività di cura e coltivazione di un orto scolastico, per quanto piccolo.
A Capannuccia si fa l’orto da diverso tempo. Sia direttamente nel giardino della scuola, che in ampie vasche colme di terra, con l’aiuto di insegnati, esperti del Comune, di Siaf e dei suoi produttori, che a volte offrono delle piantine da trapiantare. I bambini di 5 anni coltivano il loro orticello, dove si trovano pomodori, lattughe, piante aromatiche, fino addirittura al buon grano antico Senatore Cappelli, con cui si arriva a fare qualche pagnotta da portare ai genitori!
Nell’orto ci sono anche i baccelli, tipici della primavera inoltrata, così, il 15 maggio scorso, i piccoli si sono cimentati in un simpatico laboratorio alimentare, teso proprio a far apprezzare loro questi prelibati “frutti della terra”, freschi e stagionali. Con le loro mani hanno tagliato dapprima l’ottimo pecorino toscano di Manciano, poi sgranato i baccelli, imparando che sì, si mangiano primariamente le fave in essi contenute, ma anche – scoperta!- le bucce stesse. Sì perchè aromatizzate e stufate con un po’ di pomodoro sono buonissime!
Così con l’aiuto di questo animato laboratorio organizzato da Siaf – a cui hanno preso parte come conduttore il direttore tecnico stesso e una rappresentanza di Comune e ufficio Qualità Siaf – i piccoli di soli 4 anni hanno imparato che quel che si coltiva nell’orto (con qualche aggiunta di baccelli di filera corta), si trasforma in un’ottima merenda o antipasto. Buoni i baccelli col pecorino!

Come spiegano le maestre Giulia e Virginia, nella scuola Capannuccia, i bambini danno in ogni caso grande valore al pasto di tutti i giorni. Viene dedicato tempo e attenzione a questo momento, i bambini aiutano ad apparecchiare e sparecchiare. Nonostante dai 4 anni in sù non si mangi più in classe ma in refettorio, i bambini hanno imparato, grazie ai numerosi laboratori e a varie e attività educative e di attenzione continua al tema, che il cibo si apprezza, si assaggia con calma, aspettando il proprio turno per esser serviti, con rispetto. Il cibo si conosce e se ne riconosce il valore; mai si spreca!